Caratteri chimici e isotopici di sezioni crostali varische esposte: Ivrea-Verbano, Serie dei laghi e Le Serre (Italy). (Abstract/Poster in atti di convegno)

Type
Label
  • Caratteri chimici e isotopici di sezioni crostali varische esposte: Ivrea-Verbano, Serie dei laghi e Le Serre (Italy). (Abstract/Poster in atti di convegno) (literal)
Anno
  • 2006-01-01T00:00:00+01:00 (literal)
Alternative label
  • Pinarelli L. Boriani A. (2006)
    Caratteri chimici e isotopici di sezioni crostali varische esposte: Ivrea-Verbano, Serie dei laghi e Le Serre (Italy).
    in 85° Congresso SIMP, Flumunimaggiore, 27-30 Settembre
    (literal)
Http://www.cnr.it/ontology/cnr/pubblicazioni.owl#autori
  • Pinarelli L. Boriani A. (literal)
Http://www.cnr.it/ontology/cnr/pubblicazioni.owl#url
  • http://www.schweizerbart.de/publications/list/series/plinius (literal)
Http://www.cnr.it/ontology/cnr/pubblicazioni.owl#numeroVolume
  • 33 (literal)
Rivista
Note
  • Abstract (literal)
Http://www.cnr.it/ontology/cnr/pubblicazioni.owl#affiliazioni
  • Pinarelli L. - CNR, Istituto di Geoscienze e Georisorse (IGG), Sezione di Firenze Boriani A. - Dipartimento di Scienze della Terra, Università di Milano (literal)
Titolo
  • Caratteri chimici e isotopici di sezioni crostali varische esposte: Ivrea-Verbano, Serie dei laghi e Le Serre (Italy). (literal)
Abstract
  • Le tre sezioni crostali esposte considerate, Ivrea-Verbano (IV), Serie dei Laghi (SdL) e Le Serre (SE), hanno molti caratteri comuni, ma anche differenze significative. Nell'IV le metapeliti di facies delle anfiboliti di alta T (kinzigiti) sono simili ai loro equivalenti sedimentari, con pattern delle REE uniformi e rapporti LREE/HREE quasi costanti. I metasedimenti in facies delle granuliti (stronaliti) sono impoveriti in incompatibili. I loro pattern delle REE sono quasi identici, ma le stronaliti sono arricchite in HREE e Y e mostrano rapporti Th/U e La/Th più alti, a causa della fusione parziale. Nel diagramma ?Nd vs. 87Sr/86Sr(i) le kinzigiti e le stronaliti dell'IV mostrano pattern sovrapponibili. Il complesso mafico intrusivo mostra variazioni ampie: i campioni più primitivi di tipo MORB indicano genesi da un mantello impoverito e definiscono una distribuzione curva regolare con le metapeliti a causa di una contaminazione crostale. I rapporti isotopici del Pb sono intermedi tra metasedimenti e MORB, sebbene le gabbrodioriti mostrino un carattere più crostale di quanto indicato dai rapporti isotopici di Sr e Nd. Nella SdL, le metapsammiti a grana fine (Gneiss Minuti) e a grana grossa (Cenerigneiss) mostrano ampie variazioni degli elementi in traccia. I pattern delle REE sono molto simili per contenuti, anomalie negative dell'Eu, e frazionamento delle HREE. La geochimica degli elementi in traccia delle REE degli Scisti dei Laghi indica derivazione del protolito per erosione di rocce acide ignee e sedimenti maturi. In anfiboliti e \"leptiniti\" TiO2, Fe2O3, MgO, CaO e Cr sono correlati negativamente; Na2O, La, Zr e Th sono correlati positivamente con Al2O3, K2O, P2O5 Sr, Rb e Ba danno patterns a campana. I pattern delle REE delle anfiboliti a grana fine sono piatti; quelli delle \"leptiniti\" hanno contenuti più alti di LREE e maggiori anomalie negative di Eu. Gli ortogneiss hanno carattere calcalcalino e cadono nel campo dei Volcanic Arc Granites. I metasedimenti della SdL non mostrano evidenze di estrazione di fuso. Le rocce della SdL mostrano ampie varazioni nel diagramma ?Nd vs 87Sr/86Sr(i). Le anfiboliti vanno da tipo MORB a E-MORB; le metareniti hanno tipici valori crostali. I granitoidi Ordoviciani e Permiani seguono una traiettoria regolare che indica una interazione mantello-crosta. Le appiniti gabbro-noritiche più primitive mostrano poca contaminazione crostale; ciò suggerisce una sorgente mantellica arricchita (E-MORB). Le poche deviazioni dal pattern principale possono essere ascritte a interazione secondaria con fluidi. I rapporti isotopici del Pb della maggior parte delle rocce cadono sull'allineamento principale, mentre le due serie intrusive raggiungono rapporti isotopici del Pb irrealisticamente bassi, a causa della riapertura del sistema isotopico in tempi geologicamente recenti. I metasedimenti delle SE appartengono a una unità inferiore composta da rocce metagabbriche e granuliti felsiche con qualche roccia ultramafica, e ad una unità superiore dominata da migmatiti, gneiss a granato e cordierite e gneiss a granato e sillimanite. Le metapeliti sono ricche di Al, Fe, Mg, e Ti, e alcuni gruppi di rocce sono fortemente impoveriti in silice, alcali, Rb, Ba, Sr rispetto alle normali rocce argillose. I loro pattern delle REE sono molto variabili, come pure i rapporti di Th/U e La/Th. Quest'ultimo raggiunge valori alti, indicativi di estrazione di fuso. Il pattern degli isotopi di Sr e Nd nei granitoidi e nelle metabasiti delle SE segue un trend subverticale. I loro isotopi del Nd variano molto dai valori delle metapeliti e valori intorno a zero, ma i loro rapporti dello Sr mostrano una variabilità assai ristretta, senza alcuna correlazione con l'?Nd. I rapporti isotopici dello Sr dei granitoidi non hanno correlazione con Rb e la maggior parte cade in un campo ristretto tra 0.710 e 0.711. La causa può essere primaria o secondaria a causa di una riapertura post-Varisica del sistema isotopico dello Sr. Evidenze conclusive circa l'origine del peculiare pattern Sr/Nd dei graniti calabresi ancora non sono ancora state trovate. (literal)
Prodotto di
Autore CNR
Insieme di parole chiave

Incoming links:


Prodotto
Autore CNR di
Http://www.cnr.it/ontology/cnr/pubblicazioni.owl#rivistaDi
Insieme di parole chiave di
data.CNR.it